Smartphone low-cost infetti alla fonte

I ricercatori individuano l’ennesima minaccia per i gadget mobile, una campagna malevola in circolazione da tempo che riguarda in esclusiva gli smartphone a basso costo e approfitta degli scarsi controlli dei produttori

Roma – Dr.Web, società di sicurezza con base in Russia, ha scoperto una nuova campagna malevola che riguarda oltre 40 modelli di smartphone Android a basso costo, un tipo di dispositivi che a quanto pare fanno gola ai fornitori di servizi asiatici interessati a installare software pericoloso (per gli utenti) prima ancora della commercializzazione.

Sui 42 modelli analizzati dai ricercatori russi è stato infatti individuato il trojan bancario Android.Triada.231, una minaccia in circolazione già dal 2016 e pensata per infettare Zygote, uno dei componenti centrali del sistema mobile Android, così da rendere la rimozione del malware praticamente impossibile senza la reinstallazione dell’OS.

Gli smartphone infetti sono stati prodotti da marche cinesi minori come Leagoo, Doogee. Vertex, Advan, Cherry Mobile e altri, e oltre che in Russia sono venduti in paesi quali Polonia, Indonesia, Cina, Repubblica Ceca, Messico e altrove.

Fonte: Punto-informatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *